La terapia ad onde d’urto nella DE

I medici di oggi stanno esplorando probabilmente la nuova frontiera per la cura della disfunzione erettile: usano la terapia con onde d'urto extracorporee (ESWT), che prevede il passaggio di onde di energia acustica attraverso i tessuti, come trattamento in realtà idoneo per diverse condizioni, tra cui calcoli renali, tendiniti e malattie cardiache.

La disfunzione erettile (DE) è una malattia comune in tutto il mondo, definita come l'incapacità degli uomini di acquisire o mantenere un'erezione al fine di ottenere prestazioni sessuali soddisfacenti, con un decorso della malattia che dura per più di 3 mesi. L'incidenza della DE aumenta con l'aumento dell'età e delle condizioni patologiche. Uno studio ha riportato che l'incidenza della DE nella popolazione era di circa il 20% ( Hatzimouratidis et al., 2010 ). I farmaci inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE5is) sono attualmente ampiamente utilizzati e ritenuti il trattamento più efficace per i pazienti con DE. Alcuni pazienti però non rispondono al farmaco per vari motivi e spesso vengono offerti altri trattamenti, come l'iniezione intracorporale, l'impianto di protesi peniene e così via ( Hatzimouratidis et al., 2010 ). Questi metodi sono usati e considerati come opzioni di seconda o anche di terza linea, mentre la frequenza dell'uso a lungo termine è ancora influenzata da effetti collaterali e complicazioni.

I cardiologi hanno sviluppato un interesse per ESWT a causa del suo potenziale ruolo nell'angiogenesi. Questo, a sua volta, ha aumentato l'interesse per il potenziale della ESWT come trattamento per la disfunzione erettile. Il primo rapporto contemporaneo sull'uso della terapia con onde d'urto a bassa intensità (Li-ESWT) per la gestione della DE, pubblicato nel 2010, ha suggerito un beneficio clinicamente significativo ma sono state necessarie ulteriori ricerche per raggiungere conclusioni definitive. Se si è interessati alla terapia, a Napoli è offerta dall’urologo Izzo.

I presunti meccanismi della terapia a onde d’urto nel trattamento della DE includono vasodilatazione, produzione di ossido nitrico, effetti antinfiammatori, angiogenesi, reclutamento / attivazione di cellule progenitrici, rigenerazione nervosa e rimodellamento dei tessuti.

Una meta-analisi dei dati umani esistenti ha dimostrato un miglioramento significativo nei punteggi dell'indice internazionale di funzione erettile (IIEF-EF) nei pazienti a seguito del trattamento con terapia a onde d’urto. A supporto dell'utilità di questa modalità di trattamento della DE, un modello di studio animale ha mostrato che la terapia a onde d’urto migliora il rapporto tra la pressione intracavernosa e la pressione arteriosa media nel tessuto del pene dei ratti. I problemi principali per questa terapia includono la determinazione della densità del flusso di energia ottimale, nonché la quantità e l'intervallo degli shock trasmessi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi